Adua del Vesco, Dayane Mello e Matilde Brandi, le strateghe della Lavatrice
Adua del Vesco, Dayane Mello e Matilde Brandi, le strateghe della Lavatrice

Adua del Vesco, Dayane Mello e Matilde Brandi, le strateghe della Lavatrice

Il terzetto si ritrova per discutere di Guenda, Stefania e di una strategia contro Franceska

Dayane e Matilde vanno a trovare Adua nella Lavatrice. Qui la ragazza vuole dare un consiglio all’amica: per quanto rispetti la modella, secondo lei ha fatto male ad abbandonare la discussione con Guenda, facendo passare il messaggio che stava parlando dell’attrice, sentendosi colta sul fatto.

La brasiliana apprezza e Adua afferma di condividere il suo punto di vista, preferendo però non continuare a tornare sulla questione, per le ormai chiusa. Per Dayane però l’inimicizia con Guenda è totale, dato che non vuole avere niente a che fare con lei, tantomeno parlarle.

La modella cita un episodio avvenuto durante le offese in diretta di Franceska, quando secondo lei Guenda avrebbe dimostrato ipocrisia mostrandosi dispiaciuta. Matilde e Adua rincarano la dose: la prima cita un bacio della madre dopo un litigio, l’attrice invece parla del proverbiale “coccodrillo che mangia i figli e poi piange”.

Adua parla del rischio di un nuovo caso Franceska: Guenda potrebbe passare per la vittima, additato come un comodino, esclusa e nominata, quando invece sarebbe un carnefice che parla alle spalle degli altri concorrenti.

L’attrice passa poi a parlare di Stefania, dalla quale si sente osservata e forse ridicolizzata: secondo l’attrice la donna le si avvicina con aria di sfida, dicendole solo “certo” ripetutamente. Matilde ammette che potrebbe trattarsi di una sorta di accordo con Tommaso, mentre Dayane pensa che potrebbe essere un qualche codice.

Infine si parla di Franceska, la quale sarebbe alla ricerca di attenzioni con le sue osservazioni pungenti e offensive. Secondo Adua la strategia vincente è quella di ignorarla, come già negli ultimi tempi della sua permanenza: la ragazza si era calmata e non aveva più irritato gli altri inquilini.