Asia Valente a Valeria Marini: “Non sei mia madre”
Asia Valente a Valeria Marini: “Non sei mia madre”

Asia Valente a Valeria Marini: “Non sei mia madre”

Valeria rimprovera Asia per non essersi lavata il piatto della cena

La cena è appena finita e Asia lascia il piatto delle tortillas sul piano della cucina; Valeria, vedendo il piatto abbandonato a se stesso senza essere lavato sbotta: “Asia questo non è un ristorante!”. Asia che nel frattempo si trovava sul divano con Fabio e Paola, si alza per giustificarsi: “Io lo volevo mettere da parte perché non lo volevo buttarle”, poi ritorna da Fabio e commenta: “Questa è pazza, non sei mia madre che mi urli così!”. “Shh”, Fabio la zittisce, ma Asia non è d’accordo: “Io dico quello che penso”.

L’attenzione si sposta su Valeria che continua a borbottare seguita da Paolo che cerca di aiutarla nelle ultime faccende rimaste in sospeso. Valeria: “Mi sono stufata, non esiste, io è tutto il giorno che lavo. Se ne deve andare, e poi c’è qualcuno che gli da manforte”, afferma riferendosi ad Antonella. “Ma questo non c’entra, mangia e lascia tutte le cose in mezzo, e quando è troppo è troppo”, commenta molto contrariata. Paolo le dà ragione: “Da quando è qui non l’ho mai vista alzare un dito”.

Valeria continua: “Io faccio tutto per tutti e mi fa felice, poi alza pure la voce, l’educazione dov’è!” Nel frattempo, in cucina Teresanna cerca di far ragionare Asia: “Qua tutti fanno qualcosa, non è un caso, sono tanti casi in cui si vede che tu non fai niente, è bello che tutti fanno qualcosa”.  Asia è d'accordo in parte: “Ma se mi dite cosa fare io lo faccio, ma non mi alzi la voce così”.

Le due inquiline si sono divise ma Valeria appare molto nervosa…