Dayane Mello e Rosalinda Cannavò: vecchie ruggini e nuove incomprensioni
Dayane Mello e Rosalinda Cannavò: vecchie ruggini e nuove incomprensioni

Dayane Mello e Rosalinda Cannavò: vecchie ruggini e nuove incomprensioni

Dopo gli scottanti avvenimenti della puntata le due coinquiline hanno un nuovo e acceso confronto

Durante la puntata di ieri sera abbiamo assistito a un duro botta e risposta fra Dayane e Rosalinda che sembra aver portato nuove incomprensioni nella coppia di amiche.

Infatti se da una parte Dayane ha ammesso alcune sue incertezze riguardo il nascere di un sentimento fra Rosalinda e Zenga, dall'altra l'attrice ha manifestato il suo dispiacere nel non aver ricevuto il giusto supporto dalla coinquilina.

Inoltre durante le Nomination di ieri sera il voto di Rosalinda a Giulia ha suscitato ancora più dubbi in Dayane che, appena terminata la diretta, è apparsa ancora più diffidente verso le ultime azioni della compagna d'avventura.

"Non c'è cosa più brutta che fare un percorso con una persona e poi nominarla" l'accusa diretta Dayane che, mettendo in dubbio la loro amicizia, aggiunge: "Mi aspetto che voti me invece che Zenga" mente Rosalinda, ferita dalle parole della coinquilina, risponde: "Lo hai fatto anche tu, ma non va presa sul personale... qua bisogna fare delle scelte".

Successivamente però Rosalinda, turbatata dalle parole della coinquilina, rimane a confidarsi con Samantha nella camera da letto: “E’ una sceneggiata, non si è interessata, non mi ha chiesto nulla vedendomi stare male".

Samantha carca in tutti i modi di riportare il sereno fra le due coinquiline spiegando la delusione di Dayane ma Rosalinda ribatte subito decisa: “Non vado da lei perché mi giudica per ogni scelta che faccio” mentre la showgirl, vedendo la modella cambiare stanza, aggiunge: "Vedrai che domani torna, nessuno è perfetto".

A quanto pare l'amicizia fra le due concorrenti è nuovamente in crisi ma questa volta Rosalinda appare piuttosto delusa: "Ho fatto sempre io il primo passo, sentirmi dire queste cattiverie per una Nomination mi sembra eccessivo... qui si pensa troppo al gioco”.