Francesco Oppini: “Non sono uno stratega e non sono qua per vincere"
 Francesco Oppini: “Non sono uno stratega e non sono qua per vincere"

Francesco Oppini: “Non sono uno stratega e non sono qua per vincere"

L’inquilino sente il bisogno di chiarire la sua posizione ai Concorrenti della Stanza Blu

Durante l’ultima puntata Francesco si è dovuto difendere dall’accusa di essere uno stratega; alcuni suoi comportamenti lo hanno esposto a numerose critiche soprattutto da chi lo aveva sempre reputato un amico fidato.

L’inquilino ora sente il bisogno di chiarire la sua posizione e si rivolge proprio ai Concorrenti della Stanza blu per spiegare che ciò che è emerso non ha nulla a che vedere con il suo carattere.

“Ragazzi voglio dirvi che mi dispiace che sia passato il messaggio che io non sia stato del tutto sincero”, esordisce dopo aver attirato su di sé gli sguardi di Tommaso, Stefania e Guenda. “Non sono qua per vincere, sono permaloso e irascibile ma non sono una stratega, non so giocare neppure a carte scoperte”, ammette con sincerità.

Guenda però non è soddisfatta e sembra che quelle giustificazioni non siano state sufficienti a convincerla del tutto e così gli domanda quale sia stato il motivo che lo avrebbe spinto a suggerire agli altri le mosse più idonee da fare.

“Mi sembrava giusto dare dei consigli per non accanirsi sempre sulle stesse persone”, risponde con schiettezza l'inquilino.

Tommaso e Guenda sembrano invece fermi sulle proprie idee e sostengono con fermezza che il gruppo della Stanza arancio si coalizza per combattere con ogni strategia i Concorrenti della Stanza blu.

Mancano davvero poche ore alla diretta e Francesco, con chi si schiererà?