Il crollo di Francesco Oppini
Il crollo di Francesco Oppini

Il crollo di Francesco Oppini

Una ricorrenza molto dolorosa atterra emotivamente l’inquilino che si fa prendere dallo sconforto

Francesco si apparta in veranda insieme ad Adua e Massimiliano e senza preavviso scoppia a piangere. Gli inquilini cercano di confortarlo credendo che il crollo sia dovuto allo stress per il litigio avuto con Tommaso, ma non è così.

“Domani è una ricorrenza particolare e non volevo arrivarci in questo modo”, ammette Francesco tra le lacrime. L’attrice rimane a lungo a consolarlo e, stringendo le sue mani con le sue, tenta di infondergli quel calore di cui ha bisogno.

Quelle lacrime però attirano la curiosità mista preoccupazione da parte degli altri inquilini che tentano a modo loro di allievare la sua sofferenza, ma Francesco si blocca e non se la sente di aprirsi. 

La conversazione però riprende in camera perchè Francesco non riesce a sfuggire a questo brutto momento ed Adua è sempre lì accanto pronta a consolarlo. “Domani sono 16 anni che la persona che stava con me non c’è più. Avevo 24 anni ed è stato tutto strano, non solo perderla ma anche vedere i suoi genitori distruggersi per il dolore”, ammette con lo sguardo fisso nel vuoto, e nella stanza cala il silenzio.

“Fuori riesci a distrarti, qua no. Prima di entrare avevo paura, mi chiedevo come avrei affrontato il dolore che sempre mi assale in questo periodo dell’anno, io mi chiudo molto, mi sento sempre fuori luogo, invece ho trovato tutte persone comprensive che hanno avuto problemi più o meno gravi del mio, pronte ad ascoltarmi”.

Anche Dayane è accanto a Francesco per aiutarlo e ad ogni domanda che gli pone per l’inquilino è un modo per esternare e cacciare via il più lontano possibile quel brutto ricordo… anche se sarà impossibile cancellarlo per sempre.