Massimiliano Morra consola Guenda Goria, vittima di una crisi di pianto
Massimiliano Morra consola Guenda Goria, vittima di una crisi di pianto

Massimiliano Morra consola Guenda Goria, vittima di una crisi di pianto

La ragazza soffre molto le tensioni che si stanno creando all'interno della Casa

Mentre nella Casa fervono i preparativi per la serata, con alcuni inquilini che iniziano a truccarsi e altri che ancora ballano in giardino, Guenda pare molto irrequieta.

Massimiliano la nota infatti mentre percorre velocemente e più volte il salone, come si qualcosa la tormentasse. L’uomo si fa avanti e la stringe in un abbraccio, la ragazza scoppia quindi a piangere.

I due si stendono su un letto della camera blu per parlare o’ della crisi di Guenda, mentre Massimiliano la accarezza per darle un po’ di sollievo. L’attrice però non sa spiegare le ragioni del suo malessere, se non affermando che non regge più l’idea di essere costantemente osservata.

Massimiliano risponde che a lui non dà fastidio, che fa parte del gioco mettersi a nudo e che la sua preoccupazione principale è ciò che può arrivare all’esterno di sé, magari provocato da un fraintedimento.

L’attore per esempio è dispiaciuto per la lite con Guenda, alla quale chiede scusa, affermando che ogni tanto quando si arrabbia non riesce più a ragionare. Guenda a parte, però, Massimiliano reputa che le cose importanti della vita siano altre rispetto a quelle che possono emergere nella Casa.

L’attore capisce che la ragazza non possiede la sua calma e il suo distacco, soffrendo molto per le tensioni che si accumulano durante i litigi e le discussioni, ormai sempre più frequenti. “Ho l’animo di una bambina di 6 anni”, afferma Guenda.

Ricordandosi di essere in Nomination, l’uomo cerca di farsi promettere da Guenda di arrivare in finale, nel caso stasera sia costretto a uscire. Al che la ragazza lo abbraccia, dispiaciuta da questa possibilità ma rincuorata dal sostegno dell'amico.