L’occhiolino fatale
L’occhiolino fatale

L’occhiolino fatale

Gli inquilini giocano a un gioco che coinvolge tutti

Per questa serata gli inquilini hanno in programma un gioco divertente per trascorrere tutti insieme la serata. Una volta riuniti in salone i ragazzi si siedono tutti in cerchio e ascoltano la spiegazione di Filippo “Vengono distribuite delle carte e bisogna guardare con discrezione che personaggio ognuno di noi ha; l’assassino deve riuscire ad uccidere gli altri con un occhiolino, mentre se vi capita l’ispettore dovete scovare l’assassino”.

Non tutti conoscono il gioco “e quando qualcuno viene ucciso cosa fa?” domanda curioso Matteo che sembra non aver chiara la dinamica del gioco. Ci sono anche delle penitenze, gli anni di galera, che Alberto propone di convertire in piatti da lavare. Ad Aida non sono ancora molto chiare le regole allora Alberto propone un giro di prova.

Ora sembra che tutti abbiano afferrato lo scopo del gioco, si può ufficialmente iniziare! I ragazzi giocano tra una risata e l’altra “È più divertente l’assassino” dice Luigi ridendo mentre Simone non è dello stesso avviso“Non riesco a nascondere la mia identità se sono assassino” afferma.

Il gioco è una bella occasione per condividere la serata tutti insieme, bravi ragazzi!