Stefania Orlando: "Allora mi volete davvero bene qua dentro"
Stefania Orlando: "Allora mi volete davvero bene qua dentro"

Stefania Orlando: "Allora mi volete davvero bene qua dentro"

La showgirl in un momento di debolezza viene consolata dai compagni d'avventura

È ormai tarda notte nella Casa del Grande Fratello VIP e Stefania, nonostante si respiri un'aria di festa, sembra particolarmente turbata e improvvisamente si lascia andare ad un pianto liberatorio.

Elisabetta allora, vedendo la coinquilina in difficoltà, accantonando i passati contrasti, le si avvicina per rassicurarla: "Non devi piangere, tu sei fondamentale qua dentro" mentre la showgirl con la voce spezzata risponde: "Non volevo fare così ma qua dentro ho fatto un sacco di casini" mentre Massimiliano e Rosalinda le si avvicinano per abbracciarla.

Stefania spiega di sentire la forte mancanza dei suoi affetti e di inizare a soffrire la le difficili dinamiche del gioco: "Sono stanca, diciamo che avevo bisogno di sentire un pò del vostro affetto" mentre Andrea, colpito dalla scena, rivolgendosi ad Elisabetta aggiunge: "Questa scena di voi due vicine è bellissima, siete due donne forti qua dentro" mentre Tommaso, provando a far sorridere la coinquilina, scherzosamente aggiunge: "Amore ma tu non devi stare giù, ti faccio mettere la musica dei tuoi tempi, Verdi va bene?".

La concorrente sembra aver apprarentemente ritrovato il sorriso ma decide ugualmente di allontanarsi dalla musica e spostarsi nella camera blu; Elisabetta però, seguendo Stefania in camera, dice: "Mi fai arrabbiare ma non devi mollare" mentre Maria Teresa, mostrandosi molto protettiva, aggiunge: "Ce lo siamo promesso! Devi resistere finchè il pubblico ti vuole qua dentro".

Nella camera da letto arriva anche Giulia che, preoccupata dalla reazione della compagna d'avventura, dice: "Ma devi avere fiducia, le persone fuori percepiscono le anime belle come la tua!" mentre Stefania, commossa dall'affetto dei coinquilni, risponde: "Ma allora mi volete davvero bene qua dentro... mi fate piangere di nuovo".