Stefania Orlando: "Questo atteggiamento non mi piace"
Stefania Orlando: "Questo atteggiamento non mi piace"

Stefania Orlando: "Questo atteggiamento non mi piace"

La showgirl commenta il confronto fra Rosalinda Cannavò e Dayane Mello con alcuni coinquilini

Nella Casa più spiata d'Italia il pomeriggio prosegue serenamente e Francesco, mentre alcuni VIP si occupano della preparazione del pranzo, rimane in giardino con Stefania e Giulia a prendre gli ultimi raggi del sole.

Stefania allora, dopo essersi confrontata con Rosalinda, racconta parte del battibecco fra l'attrice e Dayane dicendo: "Non capisco perchè giustificarsi, è il gioco ragazzi, la reazione ci sta però non bisogna andare a chiedere" mentre Francesco, anche lui d'accordo sul fatto che le Nomination non debbano intaccare la serenità della Casa, aggiunge: "Dayane purtroppo non la vive così" e alludendo al loro passato scontro aggiunge: "Ha sempre attaccato tutti per il -gruppo- ma anche lei con Rosalinda e Massimiliano lo hanno fatto".

Anche Giulia partecipa alla conversazione e, scusandosi con Francesco per aver scelto Patrizia rispetto a lui durante gli schieramenti in puntata, ironizzando dice: "Se vuoi vendicarti puoi nominarmi" mentre il telecronista risponde deciso: "Ma assolutamente no, sono un permaloso ma è un gioco, certo un domani se devo scegliere ho le mie preferenze e devo andare per esclusione" e Giulia stupira risponde: "Mi stupisce la tua reazione, qua se la prendono tutti ormai".

Successivamente anche Elisabetta raggiunge l'esterno della Casa e, avendo ascoltato parte del confronto fra Dayane e l'attrice, dice: "Lei è gelosa che Rosalinda parla con gli altri, ma deve essere libera di farsi il suo percorso" mentre Stefania dandole ragione aggiunge: "L'ho detto anche a lei, questo atteggiamento non mi piace, ci piacerebbe anche a noi non nominare nessuno ma è il gioco".

Sembra proprio che il comportamente di Dayane, nonostante abbia chiarito con Rosalinda, non convinca alcuni dei concorrenti; chissà se la modella riuscirà a trovare un punto d'incontro o se gli attriti accumulati porteranno a nuovi e infuocati scontri.